Parco Naturale del Monte Ucka
IN QUESTA SEZIONE

Parco Naturale del Monte  Ucka

La vista mozzafiato, l’ombra delle fitte foreste, la quiete dei sentieri e la potenza del monte: salire all’Učka è un’emozione. Il massiccio divide il Quarnaro dall’Istria centrale e domina il paesaggio interno della zona con la sua cima più alta, il Vojak (1401). Le attrazioni del parco sono molte: si presta a lunghe ma piuttosto agevoli camminate tra le sue fitte foreste, ma anche ad attività di free-klimbing, mountain bike e volo libero. Una volta giunti al valico sottostante la cima, poi, avrete la possibilità di godere di una delle più belle viste di Croazia, che comprende Fiume, l’isola di Cres, le isole dalmate, le alpi italiane, Istria e Quarnaro.

La salita al monte può essere fatta in auto, attraverso la vecchia strada a tornanti, lungo la quale si trova una bella fontana di acqua sorgiva potabile e, soprattutto, il Krog (1003 m), bastione suggestivo a picco sulla vallata dal quale si può scorgere il golfo di Trieste. Ma conviene senza dubbio andare a piedi, partendo da Lovran o da Medveja. Nel primo caso, la salita inizia dal villaggio abbandonato di Ivulići e l’intera camminato richiede circa 3 ore, mentre nel secondo è necessario attraversare una ripida gola prima di ricongiungersi al sentiero principale. La camminata, sebbene lunga, è alla portata della maggior parte degli escursionisti e garantisce una serie di momenti indimenticabili tra le fitte foreste e con scorci grandiosi di paesaggio.

Grazie alla varietà di habitat, della flora e della fauna, l’Učka è uno dei punti più importanti per quanto riguarda la varietà biologica nel continente europeo. I dati letterari sul mondo animale provenienti dalla prima metà del XX secolo, indicano la presenza di un gran numero di specie endemiche e specie protette dalla legge nel Parco, dei quali si dovrebbe avere costante cura. Si valuta che sia conosciuto solo il 40% di tutte le specie presenti nel Parco.